Accompagnatrici di alto livello a Pisa Livorno

Accompagnatrici di alto livello a Pisa Livorno: la realtà che non ti aspetti.

La meschinità è una delle caratteristiche che distinguono l’essere umano medio dall’animale, anche di quello più violento e feroce ed esistono esemplari della nostra specie, i subumani, che andrebbero condannati alla peggiore delle pene. Di chi stiamo parlando? Di vermi striscianti che sfruttano le donne con l’inganno più sciagurato, coloro che fingono di essere innamorati e devoti mentre in realtà ciò che bramano è solo il denaro.

Potrebbe interessarti anche:

Escort, Escort di lusso e prostituta: che differenza c’è?

Accompagnatrici di alto livello a Pisa Livorno: i “magnaccia” pericolosi.

Alcune donne, quando cadono in amore, tornano ad essere delle bambine fragili ed insicure che necessitano di rassicurazioni circa il proprio valore e dignità ad essere amate. Certo, non tutte le ragazze si distruggono per un sentimento, ma purtroppo ce ne sono molte, troppe.

Sono anime dannate che andrebbero tutelate dallo Stato anche grazie ad un aiuto multimodale che includa un percorso psicoterapico teso al recupero della loro autostima. Ci troviamo però in una società patriarcale convinta ancora che la femmina che si prostituisce sia da lasciare al proprio destino, qualunque esso sia.

Accompagnatrici di alto livello a Pisa Livorno: le testimonianze

Abbiamo intervistato diverse escort di lusso i cui riferimenti si trovano sugli annunci escort di ogni regione di Italia. Da Milano a Roma, per poi passare a Bologna, Firenze, sino a giungere ad Ancona e poi Pesaro, concludendo con Bari Catania e Lecce.

Abbiamo scoperto una realtà sconosciuta ai molti frequentatori di accompagnatrici di alto livello: esistono bellissime ragazze che si vendono per mantenere i propri mariti o fidanzati disoccupati.

Che cosa succede in pratica?

Gli uomini rimangono a casa, spaparanzati sul divano, con la birra in mano a guardare qualche film su Netflix, magari in compagnia di amici; fan baldoria, vanno al bar, a giocare alle macchinette, si drogano e, insomma, vivono una vita tranquilla e giocosa mentre le loro donne stanno in strada, o in hotel, a prostituirsi e a rischiare anche la vita.

Per cosa?

Accompagnatrici di alto livello a Pisa Livorno: la verità agghiacciante.

La prima a raccontarci il fenomeno delle escort di lusso a Pisa Livorno che si prostituiscono per mantenere uomini indegni è Laurie, splendida escort di lusso a Rimini Riccione  incontrata durante un tour in Lombardia, che ci racconta:

“Fortunatamente io non diventerei mai schiava per amore fino a questo punto. Non sarebbe da considerarsi neppure amore ma un sentimento di disistima di sé esagerato e certamente degno di una analisi psichiatrica.

Noi top class escort a Milano, per esempio, abbiamo scelto questa professione proprio per evitare di diventare dipendenti da un singolo uomo. Non ci interessa fidanzarci, abbiamo altri progetti, molto più importanti, tipo studiare, viaggiare, ampliare la nostra visione della realtà.

Mi addolora tantissimo sapere che esistono colleghe così cieche a Pisa e Livorno. Non voglio chiamarle stupide perché non sarebbe etico. Conosco molte ragazze che, sebbene siano splendide, giovani e prosperose, portano a casa decine di migliaia di euro per tenere legati a sé uomini che dovrebbero, al contrario, essere denunciati per sfruttamento della prostituzione”.

Quasi della stessa opinione di Laurie è Lilian, luxury escort in Milan:

È pazzesco, è qualcosa da considerare davvero una malattia mentale. Non riesco a concepire come una accompagnatrice di lusso certificata possa sporcarsi tanto l’anima. Un giorno queste colleghe si sveglieranno dall’incubo che stanno vivendo e che adesso pensano sia un bellissimo sogno.

Voglio sperare che sia così. Anche io conosco una cortigiana di alto livello che per “amore” mantiene un palestrato bisessuale di bell’aspetto. Non si rende conto di essere sfruttata e circuita doppiamente”.

Poi giunge Sofia, escort di lusso di Roma a dire la propria:

“Trovo estremamente bizzarro il fatto che delle escort di classe a Pisa e a Livorno , colte, magari laureate, si facciano irretire da certi delinquenti. Forse hanno veramente bisogno di aiuto e noi, in quanto colleghe, dovremmo formare una associazione accompagnatrici di lusso in modo che problemi come questi possano trovare una soluzione.

I soldi non ci mancano e neppure la consapevolezza di oggettualizzare per lavoro i nostri corpi. Non esiste che una highclass courtesan cada in tranelli psicologici del genere”.

 Una voce fuori dal coro è rappresentata da Angelica, topclass escort lusso a Bologna:

“Io faccio l’accompagnatrice di alto livello a Rimini Riccione Parma da 5 anni, da quando ero minorenne. Vengo da una famiglia povera e disgraziata. Mia madre stessa faceva “la vita”, ma non era bella come me. Lei si vendeva in strada perché mio padre era un prodigo, uno di quegli esseri abominevoli che giocano tutti i soldi alle slot machine.

Anche la mia povera genitrice si prostituiva per amore. A 14 anni la capivo: voleva solo mantenere l’unità famigliare. Lui l’aveva convinta che quello che lei stava facendo era la cosa giusta: un bugiardo alcolizzato che era riuscito a manipolare tutte noi, anche mia sorella, anch’ella diventata poi escort.

Impiegai anni a comprendere che in realtà io, mia madre e mia sorella eravamo vittime di uno sfruttatore, di un criminale. Quando poi io divenni una escort luxury, me ne andai di casa ed ebbi modo, grazie alla mia avvenenza, di conoscere uno psicoterapeuta, divenuto poi il mio miglior cliente.

Mi salvò la vita, o meglio, la psiche, perché poi con i soldi guadagnati io comprai una casa a mia madre e querelai mio padre che fu arrestato per vari reati, crimini che mia madre aveva coperto per decenni.

Le escort sfruttate non hanno colpe se non quella di non provare il minimo rispetto per se stesse. Non sono loro da condannare, ma la società e certi uomini spregevoli”

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>